“Obscure Places & Cupboards”. Il nuovo album di Jack Adamant in streaming, download e CD

Obscure Places & Cupboards, il nuovo album di Jack Adamant, è ora disponibile in digitale e CD su

Bandcamp

in streaming su Spotify e su tutte le altre piattaforme.

Per gli amanti del formato, l’album è disponibile anche in cassetta QUI.

Anticipato, con rispettivi video ufficiali, dai singoli You First, Itchy Memories e Astray, il nuovo lavoro dell’artista italo-svedese conclude una sorta di trilogia ideale formata assieme ai precedenti Unkind e Lunch At 12 Since ’82 e, più di tutto, segna un ulteriore passo in avanti nella personale ricerca, sia tematica che sonora, di sincerità compositiva e schiettezza punk, grunge e alternative rock non più tanto comune in un panorama nazionale flagellato da compromessi e costrizioni produttive.

«Resto fermamente convinto che, come ogni forma d’arte, anche la scrittura e la composizione musicale derivano da momenti non facili, a volte ostici, spesso di merda», afferma Jack. «Anche questo album, purtroppo, non nasce da una bella passeggiata in riva al mare, da una splendida serata trascorsa con gli amici o dopo una scampagnata in montagna. I brani di Obscure Places & Cupboards parlano di persone che sono venute a mancare, spostamenti dovuti, costrizioni, promesse non mantenute, storie finite male ma soprattutto pezzi di vita che crollano lasciando solo frammenti di ricordi».

In merito alla genesi dell’album, Jack ricorda che «l’idea di partenza era quella di combattere qualsiasi forma di depressione e frustrazione con l’irruenza della musica, accelerare il ritmo dei pezzi nell’intento di dire tutto e subito, ma anche per lenire quel dolore che non si è più in grado di sopportare. In alcune note risalenti al 2019 mi è sembrato che a scriverle fosse stato qualcun altro. Una persona sopraffatta da una profonda debolezza, uno stato d’animo di quelli troppo sfilacciati per essere ancora una volta rattoppati. Sfogarsi e abbandonarsi interamente alla musica è stata, ancora una volta, una via di salvezza».

Il titolo dell’album, nello specifico, «fa riferimento al modo e ai luoghi in cui alcuni brani sono stati registrati. Armadi, ripostigli, mansarde, scantinati, bagni, corridoi: la lista è abbastanza lunga. Le persone che hanno avuto modo di assistere a tutto ciò erano leggermente preoccupate per la mia sanità mentale ma, allo stesso tempo, sorprese dall’inventiva messa in atto».

Concettualmente, i brani che compongono l’album «descrivono un percorso che dal turbamento sembra giungere a una sorta di serenità anche se apparente. Inizialmente doveva trattarsi di un doppio album, visto il numero di canzoni scritte e registrate, circa una trentina. Le dieci che sono entrate definitivamente in Obscure Places & Cupboards sono state semplicemente i giusti tasselli per descrivere al meglio quella che era l’idea di fondo e definire il concept di questo percorso di vita».

A differenza dei primi due album, questo ha richiesto la partecipazione di diversi attori che hanno dato quel contributo aggiuntivo senza il quale non sarebbe stato possibile finalizzare il tutto. «Ged (Gelsomino Monteverde, ndr), sicuramente, con il suo ruolo attivo sia in fase di produzione che nelle scelte stilistiche e creative, di design e video-making, ma soprattutto con il suo costante supporto morale. È stato da sempre uno dei componenti delle mie band principali, batterista e grande cultore di musica punk. Da un po’ di tempo stiamo avendo anche il supporto di un’azienda di promozione digitale che prende il nome di “Digital Bridge”: un grazie va anche a loro per il contributo promozionale e manageriale. Infine Stefano Gallone, con il quale c’è ormai un rapporto collaborativo secolare senza il quale Jack Adamant non sarebbe mai uscito allo scoperto. Un ringraziamento, di conseguenza, va al collettivo AR Recordings per l’ennesima opportunità di pubblicazione e per la volontà di mantenere vivo questo grande sogno».

Obscure Places & Cupboards

01. Itchy Memories
02. You First
03. A Plan To Stay
04. Brush Your Teeth With A Smile
05. In My Lie
06. Leaves
07. Astray
08. Space Frame
09. Faithless Universe
10. Here And Still

Prodotto da Jack Adamant e Ged.
Un ringraziamento speciale a Vix per aver suonato il basso su Brush Your Teeth With A Smile.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: