Lameba: “Hail to the frail” è il nuovo album

Si intitola Hail to the frail il nuovo album di Lameba, il side-project di Stefano Gallone degli Agate Rollings. Dopo tre album in collaborazione con Joyello (Harmózō, Obertönes, Solresol), vari singoli e due album iniziali incentrati più su esperimenti di collage sonoro, Hail to the frail, invece, è un album di pura dark ambient / drone che vuole fare da incipit per un ulteriore percorso sonoro in linea con lo spirito espressivo del progetto.

Hail to the frail è disponibile in streaming e free download su

Bandcamp

e su tutte le altre piattaforme digitali.

«Hail to the frail nasce dalle paure, dalle incertezze e dalle inquietudini generate dal tragico periodo che tutti stiamo vivendo», spiega Stefano. «Ma non vuole affatto rientrare nell’effimero (e per certi versi ridicolo) ambito degli “album nati dal lockdown” che in troppi si sono affannati ad affollare pur di sperare di ricevere un minimo di considerazione. Vuole invece essere un resoconto sonoro di un concetto tangibile – quello della fragilità (ora più che mai) – se preso per il verso giusto e inteso per quello che realmente è: una forza, non una mancanza; la dignità della stanchezza di doversi confrontare con sedicenti eroi ogni giorno che passa su questa Terra, quando i veri eroi sono altri e di certo non lo declamano ai quattro venti; un inverno consolante, al riparo dal finto calore di riferimenti mai consolidati; il diritto di fermarsi mentre tutto invoca velocità e abilità performative; il dovere di percorrere vie giudicate parallele dall’eccessivo potere usurpato all’esistenza terrena dai “maestri” del vivere contemporaneo».

«La fragilità non è una debolezza, puntualizza Stefano. La fragilità è una virtù. Essere fragili non vuol dire soccombere per mancanza di coraggio e non vuol dire dimostrare inadempienza dinanzi a un impavido vivere collettivo. Essere fragili significa sprigionare il potenziale dei propri limiti per cesellare un’identità veritiera, reale, concreta. Ciò che è è ciò che è. Non appare. Perciò ode al fragile, perché un mondo in cui l’essere risiede in regolarità precostituite è un mondo sterile, privo di quella varietà emotiva necessaria a cogliere l’ultima grande occasione per rendersi utili al paesaggio umano. Il tutto è solo un insieme di frammenti diversi tra loro.».

Brani

End of a world
Tired angels
The endless winter
Sleep for a thousand years

Una risposta a "Lameba: “Hail to the frail” è il nuovo album"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: